Ammonimenti
Tipologia : Paragrafi/Articoli
Data pubblicazione : 30/11/1920

Ammonimenti

«Corriere della Sera», 30 novembre 1920

 

 

 

Perché il Governo,  che deve decidersi sulle domande di orario unico, non si informa di ciò che è successo in seguito alle esperienze in merito già fatte tra noi? L’amministrazione ferroviaria, infatti, che è autonoma, ha già lasciato liberi gli impiegati di scegliere fra l’orario unico dalle 8.30 alle 15.30 ovvero dalle 10.30 alle 17.30 ovvero ancora l’orario diviso dalle 8.30 alle 12 e dalle 14 alle 17.30. La forte maggioranza degli impiegati, almeno a Milano, ha preferito l’orario diviso e parecchi altri si sono già stancati dall’orario unico e sono tornati a quello diviso. È un bell’esempio di anarchia quello che ci danno anche su questo punto le ferrovie; ma almeno servisse a far imparar qualcosa agli altri!

Torna su