Ammonimenti
Tipologia : Paragrafi/Articoli
Data pubblicazione : 09/11/1919

Ammonimenti

«Corriere della Sera», 9 novembre 1919

 

 

 

A che vale il mio voto?

 

 

Su 100 mila, su 200 mila votanti, la mia scheda è un granello di sabbia perduto nel mare. Non è vero. Colui il quale ragiona così, contribuisce con la sua apatia a dar causa vinta ai due partiti organizzati, il socialista e il clericale, per un verso o per l’altro pericolosi o meno vantaggiosi al paese. Con il sistema proporzionale, ogni voto ha importanza; ogni scheda contribuisce a far trionfare l’idea preferita dall’elettore che l’ha depositata: i partiti medi si sono purtroppo spezzati in tante liste: ragione di più perché ogni elettore scelga quella lista, la quale risponde meglio al suo modo di pensare e gli procacci quante più adesioni gli è possibile. I partiti medi, ossia le idee sane, liberali, veramente progressive e feconde, possono vincere, debbono vincere, purché nessuno di coloro che vi credono stia a casa. Ognuno pensi che il suo voto può essere quello che manca a far raggiungere al proprio partito una volta di più il quoziente elettorale.

Torna su