Ammonimenti
Tipologia : Paragrafi/Articoli
Data pubblicazione : 01/02/1920

Ammonimenti

«Corriere della Sera», 1 febbraio 1920

 

 

 

Non tutti gli arricchiti di guerra figurano ancora adeguatamente nelle liste dei sottoscrittori al prestito nazionale. Alcuni hanno fatto deliberare cospicue sottoscrizioni alle società da essi amministrate ed hanno con ciò fatto benissimo. Ma non vorremmo che essi credessero con ciò di aver compiuta degnamente la loro giornata. Oltre al patrimonio investito nelle azioni della società, e per rispetto a cui può ammettersi che la sottoscrizione sociale sia adeguata, essi posseggono altre attività, hanno conti correnti, ecc.. Perciò essi debbono in aggiunta sottoscrivere in proprio, per una cifra corrispondente a queste altre attività. L’opinione pubblica ha gli occhi fissi su di loro. In ogni città si conoscono i nomi di coloro che dovrebbero sottoscrivere somme superiori al milione, ai 5 od ai 10 milioni. Se, al 7 febbraio, queste cifre e questi nomi non compariranno sulle liste, il ministro del tesoro avrà ragione di mandarli a chiamare e di invitarli a fare, a condizioni non favorevoli, onore alla loro posizione sociale.

Torna su